domenica 12 luglio 2015

n.3



Si screpolano le labbra degli antichi oracoli
il tacere s'inerpica, omertoso, come geco notturno
sulle pareti scrostate del portento e del prodigio.
Massacrati entrambi da otri ricolmi e cuori sgozzati.



Posta un commento