mercoledì 15 luglio 2015

Gemme e geodi, arcipelaghi di un cosmo sommerso


http://melbourneer.com/wp-content/uploads/2013/12/271q7zQ.jpg

Nidi dimenticati nelle tasche cucite dei monti
cuscini per guglie adamantine
di cattedrali silenziose,
senza più vescovi e omelie
ma dalle mille campane che scintillano a festa:
esultano per la fuga dei mea culpa e dei miserere,
opachi macigni legati alle caviglie della Luce.

Uova covate dalla fanciullesca follia degli alchimisti
che ordiscono complotti di sorrisi
per colpire il grigiume del mondo con granate di colore.
Nelle loro trame tessono bozzoli di seta notturna
ricamata con la giostra delle costellazioni
degno mantello per il Re sepolto nella cripta di ogni Uomo.

Crescete all' umido e al buio, come ogni creatura.
Allora anche voi siete esseri viventi!
Nutrite dal calore e dalla placenta della tenebra madre
che vi canta dall'inizio dei tempi la storia del mondo
la ninna nanna infinita delle Ere.
Sputate fuori come lucida saliva dalle bocche ribollenti della terra.
Gemme neonate e piangenti.
E' bello sentire il vagito della nuova vita che s'afferma!

Ineguagliate per luce e colore, eppure vi celate nel profondo
dove i vostri talenti giacciono seppelliti e inerti.
Che scherzo è mai questo?
E' forse l'uomo strumento inconsapevole della vostra brama di risplendere?
Complice inconscio dell'irresistibile fascino del Sole?
Da quanto tempo agognate di ricongiungervi al vostro amato!
Al vostro avo dalla lunga barba profumata di cera e di api.

Come tuberi di gioia nutrite gli sguardi dei minatori
nobili profanatori di tombe sigillate.
Le loro fatiche si accumulano a strati sotto le unghie affamate
che scavano e scavano guadagnando il loro calvario quotidiano.
Profeti di ogni scalata e ascesa futura.
Quelle mani stracolme di febbri e miserie
non possono far altro che scendere
per resuscitare ciò che la carne opprime e nasconde.
Sono gli uomini a riportarvi alla luce o siete voi a farli risalire dalle loro bassezze?
A trascinarli come bimbi eccitati o fidi segugi
che seguono infallibili la Via più rapida e più ripida,
per trasformali da carbone a diamante,
fino allo Zenith dell' esistenza?



Posta un commento