sabato 25 luglio 2015

IMPALLINA L'ARTE E METTILA DA PARTE: PROT ART E TELEVENDITE ALLO SBARAGLIO


 Non so quanti di voi si ricorderanno del mitico Corrado Guzzanti che impersonava nel celebre programma l'Ottavo Nano un improbabile, ma nemmeno poi tanto, imbonitore di opere d'arte.
Ecco, sulla scia della sua ironia, propongo questo pezzo di "denuncia demenziale" contro i millantatori dell'arte, con la A maiuscola e della Bellezza, con la B maiuscola. Se volete proseguite voi con CDEF :-)


AMORE E' CREARE NON CONSUMARE
ALLORA VI CHIEDO . LE OPERE DELLA PLOP ART SONO CREAZIONI?

O SONO CONSUMAZIONI?




"Ahoooo danarosi amici bhèrritrovati, cari telespettatori dalle saccocce belle paffute dessoldoni sonanti.
Oggi in studio c'abbiamo tante chicche pèvvoatri estimatori estintori dell'arte!
Ve potrei parlà pèsempio, ah Mimmò! Inquaddrame sto cencio graziee, per ore de sto cappolavoro firmato Edda Tato , ao ma 'ndove andate a pijjarlo n 'altro quadro firmato Edda Tato!? C'abbiamo solo noi, c'abbiamo!
No perchè io oh sò le critiche che c'è fanno, che siamo na tivvù troppo commerciale, che non fammai curtura che non approfondisce mai na cippa. Ecco allora mò ve frego tutti quanti e ve svelo dei retroscena che sò la fine der monno  e nessuno ve ja detti mai, ce scommetto!
Mò ve racconto der furto dell'Urlo de Munch: io so l'unnico ar mondo a conossce er vero mannante! Er furto è stato commissionato da n grande colle-sionista italiano, che havvoluto riunirlo nel dittico perduto di Munch, di cui lui solo era a conoscenza, perchè deteneva il secondo pezzo del dittico che formava 'a palla d'artare della Chi 'o sà  de via olgettina dedicata a Piersilvio da Arbore, gran protettore de..., gran protettore ebbasta.
 Mò io ve lo propongo qua pà prima volta, in anteprimma monniale, ahò nn sò se me spiegooo:


Amiscie e amisci, 
Ma nunn'è finitaqui, oggi sarrà na giornata memmorabile:ecco qua na granne 'mbrattata der sommo Maria Santa Meschifodasolo.
Che voiattri tutti conosccete fintroppo bbene.

Ndo sta la ttrovata geeeniale de sto artista der calibro de na bruggola enoooorme, de altissimo spessore come nà placca de acciaio inno-xxx v.m 18/10? 
Ndo sta?
Vhò dico io vho dico!
Ecco lui c'ha fatto? Ha dipinto già negli anni 80 na pianta che solo oggi, negli anni 2000 è diventata na infame immonda, sulle paggine de tutti i gggiornalli, oddiata da tutti sti ntrippati de eccologia e ambè?-niente niente! Na pianta vittuperata e censurata peggio della Maria (se) Assunta( fa benissimo).
Misura un lato d'altezza e n'atro lato de lunghezza, però piùppiccolo.
Haddipinto Na ppalma, no ma dico io ve rennete conto? Non una palma qualsiasi, non na palma de cocco, non de dattero ma na palma de olio de palma cioèè strattosferico! Che è commedììì na palma de napalm, chette rade ar suolo tutt' er Borneo, Sumatra e Tor Vergata mess' assieme, frati sorete e tutto er vicinato suo!!
Cioè ma quant'eravvanti sto uomo?
Ahooo manon è tutt' cha, sapete?
Per quanto riguarda la tennica usata Er sommo-maro haddipinto addollio,
Si ma, quale olio?
Ollio de casa sua, ollio sur tavolo !
Si ma nonnè micca finita qui, questo èn genio vero!
C' olio c' ha usato secondo voi?
Haussato olio de palma, ma verrendete conto?
Ecco la grande ecco(già detto)logia!!
Sto gran fijo d'en naturalista!!
Ecco qua allora er grande Maria Santa Quantomeschifodasolo!
Contro le morti-nazionali, contro ermercato, contro la globarattizzazione, contro li me cojoni e di tutti quelli chesse lo pijjano e sòficcano sulla parete de casa.
 Ha davvero sfonnato stoggenio!
 Per finì contro er gardreil dell'inguardabile!
Another world! 
proprio n'altro mondo, ette credo dopo na botta der genereèvvolato fuori strada e cè restato secco.

Er sommo, er divino, er mastro granne, unico indiscusso rappresentante de la corente de li peracottari!! 
Aooo nun ce crederete quanto se vendonno bene i su quadri a li fruttariani de Pescatrix terzo(dopo er dolce).
Er grande castigamatti dà vidità umana e dei lupastri da finanza, sti grandi me(r)ce-nati dell'Arte Somma-ara.
Ormai celebre-leso in tutt er monno ( e anche oltre, appunto), denuncia er capùtalismo, la deffore-stazione e ste merendine 'nfami che ce fanno diventà i fijji nostri  di barilotti de grasso de foca(monaca e pure monca).
Notate l'eccezionale qualittà pittorica de ste cespo de palma, aho, ma sapete quanto cevvò a dipingè na monne.. ehrr cioè na monnalisa de tempi nostri der genere?
Ma è na cosa eccezionale! Cià' mpiegato l'impiegato der piano di sotto e l'infermiera der corso Buona Sera, sta pora bona donna, s'è fatto dà na mano insomma, pure due e alla fine der quaddro ha pure detto chiudiammo n'occhio dai: insomma en monco nato!
Se fosse stato pure manco nato sarebbe stato anche  mejjio pà storia dell'artee.
( ahooo v'è piasciuta a battuta??)
Insomma na mano dell'impiegato de qua na mano dell'infermiera dellà, na mano (morta) sull'infermiera accà, o meglio, su quella limitata area protetta dal WLF dipartimento de Trastevere der WWFche sta per W La Foca ( se non è monca e monaca pure mejjo) e er gioco è fatto.
Ed ecco qua, 25 secondi netti, aho ma te rendi conto, manco er cappuccino ar bar Ratto de via Boccasana te lo servono in così poco tempo.
Cioè ma ndo lo trovi n'artista così liggio ar dovere e stakka-n'asseg-novista de tal fatta?
Cioè mallo sai quanto ce vò pè un qualsiasi altro artista?
Mecce 'mpiega leggiornate a strimpellà coste cazzo de tavolozza der cesso!
Aoh, manco se credessero  quel gran bacarozzo de Scaravaggio!  Ma chette devi dipingè, ma datte na mossa, scantate oppure scannate, datte na regolata, non te poi seddè e tirar foori n'opera alla settimana!
 Fijjo mio, me devi essè produttivo, me devi renne qualcosa, come quelle dell'Ikea, io te pago e faccio er mecenate tuo ma tu datte na mossa datte.
Ma vèddirò ddeppiù: non solo ha avuto accuore er benessere der pianeta e le forestacce sue (bruciassero tutte ahoooo) ma ha pensato pure per 'r benessere der paese suo e di tutti li suoi cittadini. Ha aaiutatto ha sconfiggè la crissi ela disoccupazioneeee.
Siccome ce se lamente sempre che sti benedetti giovvani non c hanno lavoro, lo sappete
lui cha fatto? E' stato de na generosità pazzescaaa, ennormeee!
Hattrovato da lavorà attanti (lattanti) de quei ggiovani, sapeste!
Ha praticamente arruolato tutt' i asili nido de Roma!!
Altro che disoccupazione giovanì!
Ar giorno d'oggi te devi aggiornà te devi, te devi scantà, vai a raccattà du marmocchi, te metti su un bell'asilo nido , du cazzo de pastelli accera, na quintalata de pongo, na vagonata der sorcetti vari de plastica made in ciàina e te fai pure paga dalle mamme-llone( che te se fanno pure er filo(der tanga loro) pensandote en sommo artista) e intanto te sei fatto l'atelier e la bottega dove ie smazzi tutti i lavoretti banali e andanti alli marmocchi tua.
Ed ecco che te cresce in mezza giornata na foresta de palme che manco le se-tirale-cuoie der Nebbraska manco!
E tu così c'hai tutto er tempo de dedicatte a opere più 'mportanti, de concetto( non Pozzetto e manco Pozzali), che richieddono l'intervento der maestro e la mano sapiente der capo bottega
( aho me raccomanno, sempre apperta deve stà, seeempre!)

Ecco, pè sempio n'opera der genere, la summa sudicia de tutta la carriera de Schifotantochemefaccio.
Nvedi ndo sta la genialata de ste capoccione granne così del Marietto?
Che tu sta opera te la vedi così e te vè voja de dì: minchia li santi Pierpaolo e Piersilvio da Arbore (splendido programma, je fa na pippa a Portapporta)!!
Sto cesso sarebbe n'oppera d'arte? A mè mepare n'oppera de carità, ma tanta tanta carità!!
Per carrità! Nun te vojjo manco vedè!!
Cioè m'i fijjio de quattranni me li fa uguali, me li fa. Efforse purè mejo!( c'a fecola de patateeee!)
Cazzo, adesso che ce penso, me li fa ugguali pe davvero: quanno son 'nnato, mica jeri!!!, a pijarlo all'asilo nido (eh siii lo so a quattranni dovrebbe sta alla materna ma me lhanno bocciato sur passeggino( eh lo solo, è ndietro pure li) fuori d'asilo nido con una retro de na disgrazziata!!Nun te dico quant ho speso dal Carrozziniere pè dajje na sistemata e sbocciarlo) ce n'aveva uno fresco fresco appena finito!!! Ma sarà na coincidenza? Mbo!
Ecco pecchè tutti i giorni me vedo er programma delle lezzioni, arte,a rte, arte arte, ahoo è tutt'a n'arte !!
A sto punto o èn gennio mio fijjio e quello è na capra co lì stivali o soddù geni tuttiedue, lui e schifa-mil'ano.
Oppure ce starebbe anche l'eventualità più remota che so entrambi dù mentecatti c'ha capoccia molle quanto er budino d'uva che faceva tanttobene a zia mia, me faceva”
Vall 'a sapè.

Ma è proprio qua la grandezza de sto artista mai abbastanza decantato, o decalcato?
Lui te fa no sputazzo che te vien da dì: ma sta cacata qui l'ha fatta er fijjo suo, cioè è na monnezza de mpoppante!!
E invece no!! E furbini!! Voi pensavate che i 40 000 e passa quadri  fossero fatti tutti nell'ateleir d'asilo nido ma invece no! Ecco qui l'estro d'artista veroooo:
lui intravvede er genio nei babbini che poi d'addulti se spegne colla scuola nfame , lui lo ammira, lo protegge e lo ampliffica.
Seffà discepolo de li discepoli sua.
Eccezionale.
Straordinnario.
Lui se cala le brache e con granne umiltà vollè imparà da li discepoli sua, se umilia e dice, io c ho tanto da imparà da voi, ecco allora come è nata la corrente der primitivismo, che lui declina alla perfezzione nell'infantilismo proto-brodo-primordiale !!(nsomma, na cacata e na pisciata unica)
Talmente avvanti che er manifesto dell'infantilismo suo l'ha scritto in na lingua sconnosciuta che dev'essè ancora decifrata e tradotta.
Ve cito solo l'incipit de sto documento d'avanguardia:
"Gnè gne ghaaa gaaaa gnè uè uè!!"
Artro che er codice davinnci, qui cè vò er codice rossoooooo!!!


mercoledì 22 luglio 2015

La giacca appesa



relitto dell'era contadina, in situ. val Borla (PC)
Spaventa uomini
in balia del furor degli elementi
ormai tuoi alleati, tuoi unici alimenti
svolazzi al suon degli aliventi
alito dei venti
che riempe quelle tasche, scarne come le guance del contadino
che ancora attendi, sull'uscio, come cucciolo fedele.

Il tuo stomaco di pezze brontola ancora per la fame di un corpo
per la schiena di un padrone.
Ormai indossata solo da refoli controvento
che invece di sospingere e incoraggiare
risucchiano e rallentano
che ti tirano la giacca da dietro
facendoti girare
per scorgere l'orlo del ruvido lino
o gli ultimi scampoli di paglia e fieno
ricordi da rammendare
su una trama del presente mal scritta e ancor peggio interpretata
da chi intesseva le lodi del Paese dei balocchi,
che ci ha irretito tutti, poveri allocchi.

Abbandonata al sole come pelle di serpente
ti sei sempre messa nei panni degli umili e dei semplici
I bissi e le sete le hai lasciate ai santi patroni.

Tra le fodere e le patte, come nascosto in un doppiofondo,
giace il testamento di un popolo intero
svanito nelle fiamme del frivolo impero.
La giacca appesa
al collo dell'innocenza
di un popolo buono, forse fin troppo
dagli occhi miti e le mani solcate da morbide colline
lavate nel sapone delle zolle di terra
ora trasformate in zollette di zucchero sdolcinato.
Ma quant'è amara questa tua novella progenie.
Ma quant'è angusta questa novella prigione.

martedì 21 luglio 2015

Il grande mistero delle conchiglie e di chi le colleziona. Nella cosmovisòn la soluzione. Parte II di II.


Un mio fortunato ritrovamento...
Per anni  ho frequentato un club di collezionisti di conchiglie, nel caso specifico conchiglie fossili, che si trovano in quantità tra le splendide argille grigio-azzurre dei primi colli piacentini.
Come in tutti i ritrovi similari, le discussioni vertevano principalmente sulle ultime cacce, i posti più o meno segreti che i vecchi del mestiere custodiscono gelosamente, le rarità e gli esemplari leggendari, i bei tempi di una volta,quando si trovava molto di più ed altre amenità similari.
Tutti gli iscritti, inutile dirlo, erano mossi da un' enorme passione nel cercare, trovare e ammirare quei gioielli della natura che sgorgano candidi come gigli dai fondali, ora emersi, dei mari pliocenici ( intorno a 3 milioni di anni fa).
Mostre, microscopi, migliaia di ore di conversazioni e studi, setacci, restauri e libri per catalogarle. Picozzate e zappettate furibonde, innumerevoli pranzi malaco-gastronomici, innaffiati immancabilmente da ottimi gutturni locali o dagli speciali mandorlati di Magnano...
Una volta, tanto per provare a smuovere un po' le acque fin troppo stagnanti, mi sono divertito, nel bel mezzo di una discussione tra bicchieri vuoti e stomaci ricolmi, a porre questa domanda, all'incirca in questi termini:
“Abbiamo tutti quanti una grande passione per le nostre amate conchiglie, abbiamo raccolto esemplari eccezionali, degni di un museo, abbiamo imparato a memoria centinaia di binomi in lingua latina per battezzare con genere e specie tutta la collezione.
Non parliamo poi delle damigiane di sudore riempite arrampicandoci per orridi e calanchi che farebbero impallidire il più coriaceo stambecco dello Stelvio, tra rovi, zecche, spine velenose, molte tipo sabbie mobili e i tremendi fanghi a risucchio, che quando torni non ti riconoscerebbe manco tua madre tanto ti sporchi.
Eppure, dopo decenni che ci dedichiamo a tutte queste amenità, non sappiamo rispondere ad una domanda basilare, tanto ingenua quanto beffarda, impossibile persino: perchè ci piacciono? Perchè le collezioniamo?”
Scena muta, mi guardano come per dire: ma dici sul serio o stai scherzando? Si sentono presi in giro, non giunge alcuna risposta.

Le apoteosi del gruppo, che corrispondevano sempre a baccanali a base di torta fritta e mitragliate di coppa e pancetta, portavano alla luce, a tavola, grande spianatrice di tutte le classi sociali, discorsi e pensieri che rivelavano come tutti quei collezionisti, che si tramutano  tutti e indistintamente in bimbi avidi e golosi davanti a quelle caramelle marine, fossero persone tendenzialmente molto materiali, razionali e carnali (come rivelava la stessa dieta d'altronde).
Non lasciavano il minimo spiraglio per l'invisibile ed il sottile. Anzi, il concetto di anima, veniva totalmente bandito e ripudiato, era in quella tribù di discepoli del pensiero scientifico e razionalista, un vero e proprio tabù.
Ed è divertente vedere come ciò che da loro è sempre stato negato, estirpato, esorcizzato e represso abbia comunque trovato la sua strada, come corso d'acqua sotterraneo(in questo caso salata ed ormai prosciugata da milioni di anni), per riemergere.
Pane per i denti del buon James Hillman!
Quel senso del sacro, del bello, dell'invisibile, il richiamo dell' anima, da loro schernito e fatto tacere per tutta la vita, rinnegato con metodica costanza, si esprime in quel capriccio, in quel ricciolo ribelle di manzoniana memoria, in quella curva sensuale, in quella spirale ipnotica che tutti ammirano senza saperne il perchè, dalla quale sono irretiti come falene alla lanterna.
Esistono ben pochi angoli retti nel mondo delle conchiglie, ben pochi quadrati e cubi.
E' tutto curvilineo e seducente, come il corpo di una donna..L'anima è femmina, si sa.:-)

Edith Stein diceva: “Chi cerca la verità cerca Dio, che lo sappia oppure no”.
Io mi permetto di modificare la frase, ma in realtà non modifico nulla:
chi cerca la bellezza cerco Dio, che lo sappia oppure no.

Verità e bellezza vanno di pari passo, non siamo affatto lontani dal καλὸς καὶ ἀγαθός degli antici greci (Kalós kái agathós ): estetica ed etica, in connubio perfetto.

In Plotino( che ovviamente Hilmann ama e cita moltissimo n.d.s.), la visione della verità e la contemplazione di Dio sono posti come fine ultimo della vita umana. L’anima non deve fermarsi alla bellezza riconoscibile con i cinque sensi in quegli oggetti dove esiste una forma prevalente sulle altre che le rende un tutt’uno omogeneo, ma tendere all’idea di bellezza in sé, proprie di tutte le idee e che può essere colta solo con la mente, non con i sensi. Dal Bene emana questa bellezza, sebbene siano identici, il Bene è una realtà ancora al di sopra della bellezza delle idee.
https://it.wikipedia.org/wiki/Kalokagathia

 Torna  davvero utilissimo ricordare Hilmann, che ha lo straordinario coraggio di rispolverare da secoli di oblio, miti e filosofie oggi “eretiche”, perchè hanno l'ardire di parlare di Anima, di Altro, di Alto.
Dona un soffio vitale, porta un refolo di aria nuova, nonostante sia in realtà antica come e più del mondo, dove ora c'è solo la polvere che si accumula sui banchi delle università e sopra le teste di professori e studenti; per non parlare dei cimiteri della conoscenza: i loculi dove si accatastano le tesi degli studenti.
Riemergono gli dei dimenticati e l'anima negata nei modi più disparati e sottili, sempre in punta di piedi e delicata, per non farsi scoprire da chi non la vuole incontrare e accettare.
Nel nostro caso sotto la forma innocente di quei gusci di pura luce scolpita.
Le conquiste e il progresso di una civiltà non passano certo  tutte per la tecnica e la scienza!

La scienza ci spiega che miriadi di milioni di anni fa le conchiglie non avevano la raffinatezza odierna, possedevano solo, gasteropodi o bivalvi che fossero, una simmetria bilaterale.
Poi, per motivi ancora ignoti e dibattuti, perchè ovviamente spiegati con teorie fallaci che suppongono  solo l'utilitarismo, avvenne qualcosa di straordinario. La torsione, la tensione, quasi mistica, verso l'alto, che rivoluzionò tutti i mari, portando la forma inedita della spirale, che tanto ci attrae e ci irretisce, giusto per usare termine marino.

Perchè nessuno ha l'ardire di affermare che manca un ingrediente fondamentale nelle insipide ricette che vogliono definire la vita e la natura?
Il piacere! Non importa stabilire di chi, se di un dio Nettuno o di Gaia tutta.
Il piacere, ovvero il non scopo utilitaristico, ma il piacere fine a se stesso di creare, sperimentare forme nuove, generare opere d'arte.
Perchè il piacere di osservare una conchiglia deve essere solo nostro? Come siamo egoisti!
Neghiamo qualsiasi stilla di divino, di spirito, qualsiasi carezza dell' anima ed ecco che lei si insinua nelle nostre vite con queste piccole reliquie, che noi ci divertiamo a esporre e catalogare in griglie che ricordano tanto la prigione e la graticola della nostra mente più limitata e sviluppata, ( ossimoro voluto, haìnoi) quella razionale e analitica.
Non c'è modo e non c'è via per dimostrare il senso estetico della natura, c'è solo da sentire e percepire!


CONSIGLI PRATICI PER COLLEZIONISTI MANIACI E IMPENITENTI:

Sostituire o almeno affiancare tutti i cartellini che di solito hanno questa formula:

Fusinus longiroster (Brocchi, 1814)

luogo del ritrovamento: Castell'Arquato

data: 18 10 2010

collezione di:

con un cartellino con una poesia dedicata per ogni conchiglia, per la quale ci inventiamo noi il nome.
http://www.naturamediterraneo.com/Forum/pop_printer_friendly.asp?TOPIC_ID=120473

Esempio: questa conchiglietta raffinatissima, larga forse mezzo mm e alta 2-3 mm, è un endemismo recentemente scoperto nelle sorgenti del fiume Magra (tra Liguria e Toscana).
Ciò significa che in tutto il mondo questo aggraziato essere abita solo ed esclusivamente lì, in un limitatissimo fazzoletto di terra, pardon, di acqua sotterranea.
E' stata battezzata Alzoniella lunensis, dove lunensis, che è il nome specifico(della specie), deriva da Lunigiana.
Ma non meriterebbe forse un nome diverso? Sù sù, un piccolo sforzo della fantasia, provate a  ribattezzarla, io ho scelto di chiamarla Unicornia fulgensis, adesso tocca a voi!.

Togliamo le conchiglie, anche solo simbolicamente, da quei miseri loculi anonimi, scatoline e scatolette assortite che si addicono di più  al  tonno e alle acciughe!
Facciamole vivere all'aria aperta, in primis quella della nostra fantasia.
Creiamo un disegno, un dipinto dove una conchiglia come questa diventa il turbante di un misterioso mago orientale:

stenohttp://fr.cdn.v5.futura-sciences.com/sources/images/dossier/rte/magic/3740_pointier_5-Stenorhytis_pern.jpg

Invece di misurare quanto sono lunghe per sapere se abbiamo superato il record del quartiere, come fossero un riflesso del nostro pipino, iniziamo a misurare ciò che suscitano in noi, le emozioni che ci fanno provare!
Percepiamole come apriscatole del mare. Chiavi elaborate per spalancare i forzieri che celano i segreti del mare. Inventatevi qualcosa insomma!
 Oppure come simbolo della scala cosmica, della salita inesauribile, che non ci deve spaventare ma eccitare.( Non vorremmo forse che non finissime mai il bel libro che stiamo leggendo?)
Non cade forse a fagiuolo questa frase tratta dall'indomabile coppia Roerich, esternatori dell'Agni Yoga?

 L’Infinito si manifesta nella Bellezza. Essa illumina gli insegnamenti dei Cercatori dello spirito. Nel Bello esprimiamo senza timore la verità della libertà. Con la Bellezza accendiamo splendori in ogni goccia d’acqua; trasformiamo la materia in un arcobaleno.      
 Illuminazione, 322


Ecco invece  un bell'esempio di sincronicità: mentre stavo scrivendo queste righe ecco che arriva, dalla tele accesa in cucina, che in verità mi stava anche un po' disturbando, un brandello di messaggio, una voce che attira la mia attenzione e mi costringe a girare la testa: un indigeno di non so nemmeno quale nazione dell' America latina, all'interno di un documentario su rai5, proclama il pilastro fondante della sua cultura tradizionale-sciamanica, utilizzando una parola per me epica:

LA COSMOVISIO'N!
Bellissimo sentire questa parola, nella sua pronuncia in lingua madre, da un giovane indio scalzo che senza aver letto decine di libri e senza aver frequentato corsi new age dai titoli roboanti aveva già nel cuore, forte e chiaro, sia il cosmo che la visione.
E' la fucina del cuore, infatti, che fonde e unisce parole e concetti che non abbiamo mai osato immaginare insieme!
La cosmovisiòn!
Quella modalità olistica di rapportarci alla vita, alla natura, ai nostri simili, che manca tanto alla raminga scienza odierna e a tutta la nostra civiltà. A furia di spaccare atomi e capelli in quattro la Scienza ed il progresso  hanno spaccato tutto, anche il filo che ci legava, anima e corpo, con la nostra dimensione interiore, con il senso del sacro e del mistero.
Per questo è fondamentale ricongiungere scienza e spirito ed anche in questo caso non c'è scampo.
Sarà la fucina del cuore ad unire questi gemelli separati alla nascita, questi Caino e Abele, in lotta eterna, sempre più vicini per colpirsi meglio, per afferrarsi e cercare di mettersi l'un l'altro al tappeto, finchè non si accorgeranno di avere lo stesso volto, la stessa origine, lo stesso padre e la stessa madre.
Allora si leverà alta la voce: Cosmovisiòn !
E la salda presa da lottatori si trasformerà in un fraterno abbraccio.

Magica Val Borla, tra civiltà perdute e tocchi di fata. II°






Il muro delle fate



uovo di pergamena

il baffo del bosco


i baffi del bosco
il rebus del sole

il nascondiglio degli gnomi



Little faerie
Il tranello di Shalob