venerdì 11 settembre 2015

Il senso pratico dell'arte



 Nicholas Roerich. Krishna: Spring in Kula. 1929.
Mondo del Fuoco II, 1934
Mondo del Fuoco II, 293 - Non senza ragione gli antichi saggi scelsero di praticare qualche lavoro manuale o qualche arte, sì che ciascuno divenisse abile nel suo campo. Con ciò intendevano un mezzo per facilitare la concentrazione. Tutti, ciò facendo e cercando di migliorare, intensificavano e la volontà e l’attenzione. Anche nei pochi oggetti pervenutici si nota un’elevata capacità artigianale. Oggi precisamente è di nuovo necessario riscoprire la qualità di quel lavoro. È impossibile fare entrare limiti spirituali nel reame delle macchine. Bisogna dedicare tempo alla produzione di una qualità artigianale che rinvigorisca l’immaginazione. Queste due, qualità e immaginazione, vanno di pari passo sulla via della conquista del Fuoco.
Posta un commento